Isola di Palmaria

A piedi sull’isola di Palmaria tra antichi forti e scogliere...

Data attività

Sabato 22 Febbraio 2020

Orario evento

07:00 (ritrovo 15 minuti prima)

Difficoltà

Escursionistica (E)

Apertura Iscrizioni

06 Febbraio 2020

Chiusura Iscrizioni

20 Febbraio 2020

N° max partecipanti

35

Tempi di percorrenza

4,30 h

Zona

Portovenere (SP)

Indicazioni stradali

Mappa

Previsioni del tempo

Meteo

Mezzo di trasporto

Pullman

Capogita

Pia Collini

L’arcipelago della Palmaria con l’sola del Tino e Tinetto è uno dei siti inseriti nel Patrimonio dell’umanità UNESCO.

L’isola ha vissuto varie vicissitudini: è diventata una delle cave da cui estrarre il materiale per la costruzione dell’arsenale Militare di La Spezia, è stata sottoposta a servitù militare (1862) con la costruzione di fortificazioni a difesa del Porto Militare, è stata utilizzata come cava per l’estrazione del marmo portoro (fino al 1970), è stata dismessa dal demanio militare (nel 1977). In seguito oltre al degrado del territorio, un incendio ha distrutto buona parte della vegetazione. Nel 1997 è entrata a far parte del Parco Naturale Regionale di Portovenere.

Interessanti le specie botaniche presenti sull'isola, oltre agli arbusti tipici della macchia mediterranea (euforbia arborea, ginestra, ampelodesma), molti dei quali trovano in questo territorio sono presenti rarità per la Liguria come il cisto rosso (Cistus creticus L.s.l. ex-Cistus incanus), il Ginepro fenicio (Juniperus phoenicea) ed endemismi come il fiordaliso di Porto Venere (Centaurea veneris).

Immagini di:

William Domenichini - Transferred from it.wikipedia, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4480809

Brianza2008 - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=19032644